Difficile - Cover Art

Difficile - Album

Daniele Meo

TESTI

Questi giorni durissimi sembrano non finire mai
lavo la mia pelle e mi consumo come cera al sole ormai
C’è questa vita che mi guarda con lo sguardo da elefante
e come una formica in una stanza mi sento così impotente

Mi chiude in una stretta, mi usa e poi mi getta lasciandomi l’oscurità
C’è una ferita che è difficile rimuovere
Tra forbici o lametta neuroni in una lotta mi mangiano l’anima
In un secondo interminabile cerco di restare immobile

Percorro i vicoli della violenza con le mie cellule che fanno resistenza
Sono sporca di quelle sue mani
Come lava di mille vulcani esco, grido e spero che qualcuno vero sentirà
Quante volte ho pensato di finire qui e ho pregato: “Dio aiutami!”
Fra le luci irreali nel buio di questa città
vedo solo pensieri e nuvole di un forse, un chissà…
È come avere una schifosa bomba atomica nel petto
Non ho più parole, mi metto in silenzio e aspetto

Sfumature inaspettate mi accarezzano
sono qui per levigare ogni mio incubo
in questa notte in cui è difficile decidere
Sfumature inaspettate mi dipingono
I colori del dolore mi abbandonano
perché morire è troppo facile
e voglio amare questa vita bastarda così difficile

Si avvinghia sul mio corpo e come un ragno tesse la sua tela con abilità
Mi chiude in una stretta, mi usa e poi mi getta lasciandomi l’oscurità
Tra forbici o lametta neuroni in una lotta mi bruciano l’anima
in un istante interminabile cerco di restare immobile

Sfumature inaspettate manifestano
terremoti per schiacciare ogni mio incubo
in una notte in cui è difficile decidere
Sfumature inaspettate mi sorridono
I timori con un soffio si frantumano
perché morire è troppo facile
e voglio amare questa vita bastarda così difficile